-

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.30  
solo lunedì e giovedì dalle 14.00 alle 16.00
  
 

Ti trovi qui:

Homepage

AVVISO

GIORNI CHIUSURA UFFICIO:

27-28 dicembre 2018

appuntamenti

ODIO E VIOLENZA IN RETE, LA RESPONSABILITÀ DEI GIORNALISTI NO AI COMMENTI VOLGARI E RAZZISTI SUI SOCIAL

Attenzione: apre in una nuova finestra. Versione in pdfStampaE-mail

Raccomandazione del Consiglio dell'Ordine dei giornalisti del Veneto del 23 luglio 2018

VENEZIA, 23 LUGLIO 2018 - Non è accettabile che testate giornalistiche, attraverso i propri siti internet o canali social, si prestino a fare cassa di risonanza ad incitazioni alla violenza e odio, e perfino ad istigazioni a delinquere, pubblicando senza alcun filtro i commenti, talvolta deliranti, che i lettori fanno su specifiche notizie di cronaca.
Una testata registrata non può essere terreno di libera e incontrollata pubblicazione di un testo da parte di chicchessia, senza alcun filtro: le conseguenze, anche a livello disciplinare, non possono non ricadere su chi ha la responsabilità di tali scelte.  

Il Consiglio regionale dell’Ordine dei giornalisti del Veneto invita, pertanto, i giornalisti, e in particolare i direttori responsabili e i colleghi che ricoprono ruoli di vertice nelle testate giornalistiche, ad una particolare attenzione e cautela, per evitare che vengano compromessi la credibilità e l'autorevolezza delle testate giornalistiche, il cui ruolo è quello di informare, non di farsi mezzo di propagazione di insulti e offese, di parole di violenza. È vero che il mondo dell’informazione è cambiato, ma le regole del buon giornalismo sono immutate: un tempo non ci saremmo mai sognati di pubblicare interventi deliranti, diffamatori, violenti di qualche lettore. Per quale motivo oggi ciò viene accettato in Rete?

Il giornalista ha una grande responsabilità, alla quale non può, non deve sottrarsi in nome di qualcosa che non ha nulla a che vedere con la libertà di espressione. Ciò a prescindere da quale sia il pensiero che ciascuno ha il diritto di esprimere.

Il giornalista è tenuto a comportarsi con lealtà e buona fede, come previsto dalla legge professionale e dalle norme deontologiche, anche nell'attività svolta sui social: una cosa è esprimere la propria opinione, un'altra diffondere campagne discriminatorie e alimentare odio attraverso commenti, oppure rilanciando notizie false, costruite da qualcuno per solleticare i più bassi istinti.

Amministrazione trasparente

Alla sezione Trasparenza >>

Testo unico dei doveri del giornalista

Consulta

Quote Albo 2018

Dal 1 febbraio più mora e spese 
ProfessionistiPubblicisti 120€ (pensionati vecchiaia o invalidità 60€)
PraticantiGiornalisti Stranieri 120€
Iscritti
Elenco Speciale 190€
Autocertificazione Pensionati
Ordine giornalisti del Veneto
C/C Bancario Crédit Agricole FriulAdria IBAN IT82I 05336 02045 000046578489 - BIC BPPN IT 2P 327
C/C Postale IBAN IT38B 07601 02000 000059179259 intestato a Ordine dei Giornalisti del Vene
to

giornalismo e responsabilità

Lettera aperta sul futuro dell'informazione e della professione. Qui commenti e proposte. Vuoi intervenire? Scrivi alla segreteria