-

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.30  
solo lunedì e giovedì dalle 14.00 alle 16.00
  
 

Ti trovi qui:

Homepage

appuntamenti

Come si informano i giovani

Attenzione: apre in una nuova finestra. Versione in pdfStampaE-mail

L’indagine Demopolis

Secondo l'indagine dell'Istituto Demopolis sui giovani e l'informazione in Italia, voluta dall'Ordine dei giornalisti e presentata stamane a Roma insieme all'edizione del "Premio Mario e Giuseppe Francese", il 95% degli under 30 fruisce quotidianamente della Rete e il 60% e' di fatto sempre connesso a Internet. "La centralita' delle Rete - ha spiegato il direttore di Demopolis Pietro Vento - incide in modo significativo sulle modalita' d'informazione delle nuove generazioni: il 75% entra in contatto con l'attualita' attraverso siti web, portali e testate online. Considerato il contesto, i telegiornali, nazionali e locali, e i programma d'informazione in tv tengono le posizioni: li segue il 66% degli under 30". Il trend 2009-2019, disegnato da Demopolis, racconta un cambio d'epoca: la fruizione dei tg e dei programmi d'informazione passa in 10 anni dal 76 al 66%, quella dei siti di informazione online dal 31 al 75%; cresce di quasi 50 punti, dal 15% al 63%, l'utilizzo dei social quale strumento di informazione. E' invece sempre piu' residuale, tra gli under 30, il peso della carta stampata. Dei media italiani, a quasi i 2/3 dei giovani intervistati, non piace la faziosita' dell'informazione politica; il 56% stigmatizza la scarsa obiettivita', il 48% la superficialita' di molte notizie. I media tradizionali sono comunque percepiti dagli under 30 come piu' affidabili rispetto ai Social Network: una simbolica rivincita, in questo caso, per la stampa tradizionale. Ad interessare di piu' chi ha meno di 30 anni sono per il 70% i fatti locali. Ma anche, per i due terzi, l'informazione nazionale. Piu' bassa, poco sopra il 40%, l'attenzione su quanto accade in Europa e nel resto del mondo. Il 73% dei giovani italiani riconosce oggi al giornalismo una funzione fondamentale o importante nel nostro Paese. Dall'indagine emerge infine un risultato di particolare interesse: "Il 70% dei giovani - ha detto Vento - si dichiara interessato al giornalismo d'inchiesta e di denuncia. Le nuove generazioni lo vorrebbero piu' presente sui media (ANSA) 

http://www.odg.it/come-si-informano-le-nuove-generazioni-in-italia-presentati-i-risultati-della-ricerca-demopolis/31835

 

Amministrazione trasparente

Alla sezione Trasparenza >>

Testo unico dei doveri del giornalista

Consulta

Quote Albo 2019

Dal 1 febbraio più mora e spese 
ProfessionistiPubblicisti 120€ (pensionati vecchiaia o invalidità 60€)
PraticantiGiornalisti Stranieri 120€
Iscritti
Elenco Speciale 190€
Autocertificazione Pensionati
Ordine giornalisti del Veneto
C/C Bancario Crédit Agricole FriulAdria IBAN IT82I 05336 02045 000046578489 - BIC BPPN IT 2P 327
C/C Postale IBAN IT38B 07601 02000 000059179259 intestato a Ordine dei Giornalisti del Vene
to

giornalismo e responsabilità

Lettera aperta sul futuro dell'informazione e della professione. Qui commenti e proposte. Vuoi intervenire? Scrivi alla segreteria