-

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.30  
solo lunedì e giovedì dalle 14.00 alle 16.00
  
 

Ti trovi qui:

Homepage

GIORNI CHIUSURA UFFICIO:

27 e 30 dicembre 2019

appuntamenti

Prevenzione del suicidio, assegnati i premi De Leo Fund

Attenzione: apre in una nuova finestra. Versione in pdfStampaE-mail

Sono stati assegnati  martedi 10 settembre, a Padova, in occasione della Giornata Mondiale sulla Prevenzione del Suicidio, i riconoscimenti relativi alla prima edizione del Premio Nazionale De Leo Fund Media Award, bandito per far crescere la sensibilità sulla necessità di trattare i casi di suicidio con particolare attenzione e cautela, per rispettare il dolore dei "sopravvissuti", ma anche per evitare il rischio di fenomeni emulativi.

Tre i giornalisti premiati, nel corso del convegno di studio sul “Il Futuro della Prevenzione del Suicidio e le Nuove Tecnologie”, inserito nel percorso di formazione professionale. 

Per la sezione “Press Reports” è stato premiato il servizio dal titolo “Il buio sotto la divisa: quell'escalation di suicidi che lo Stato non guarda” di Sara Lucaroni, pubblicato sull’Espresso il 30 giugno 2019. L’articolo racconta il suicidio come uno dei fenomeni più drammatici all’interno delle forze dell’ordine. Attraverso un’inchiesta che ha raccolto oltre 250 casi dal 2010, uno a settimanatra marzo e aprile di quest’anno, vengono raccontate le storie di agenti che si sono tolti la vita e la battaglia di parenti e amici contro il silenzio. 


Per la sezione “Web Reports” è stato premiato il servizio dal titolo “Un velo di silenzio avvolge i suicidi” di Maurizio Paganelli, pubblicato su Repubblica il 20 Maggio 2019. L’articolo, supportato dai risultati di una metanalisi condotta alla Stirling University (Scozia), analizza la tendenza a negare il fenomeno del suicidio soprattutto tra i giovani adolescenti. Attraverso numerosi studi viene reso evidente come tale fenomeno richieda una prospettiva multifocale: dalle problematiche psicologiche connesse all’adolescenza, le differenze di genere, l’importanza di affrontare la tematica in maniera corretta e competente e le influenze ambientali.


Per la sezione “Radio and Television Reports” è stato premiato il servizio dal titolo “La crisi e un drammatico gesto di un imprenditore” di Filippo Fois, in onda su Tg Padova di ReteVeneta il 6 marzo 2019. Il servizio racconta il suicidio di un imprenditore attraverso il tentativo di fornire una panoramica più ampia e complessa di tale fenomeno, non solo connesso alle difficoltà lavorative ed economiche ma anche a tematiche personali e sociali. Il linguaggio evita spettacolarizzazioni e pericolosi dettagli inerenti alla condotta suicidaria, cercando di affrontare il suicidio come un fenomeno multifattoriale.

 

La Onlus De Leo Fund, che da molti anni si dedica alla prevenzione del suicidio e all’aiuto alle persone che hanno subito lutti traumatici, ha promosso questo riconoscimento in collaborazione con l’Ordine Nazionale dei Giornalisti e con l'Ordine dei Giornalisti del Veneto per premiare i giornalisti che in un loro elaborato abbiano descritto un caso di suicidio, oppure l’esperienza patita da congiunti/amici sopravvissuti alla perdita del loro caro, in modo caratterizzato da sensibilità e attenzione alle molte implicazioni correlate alla diffusione di notizie riguardanti il suicidio, con l'obiettivo di contenere il più possibile l’impatto imitativo e ‘contagioso’ delle notizie riguardanti le morti per suicidio soprattutto tra le persone più vulnerabili (giovani, vecchi, portatori di disturbi mentali o di handicap fisici, soggetti che attraversano gravi difficoltà esistenziali, ecc.).


I servizi giornalistici sono stati valutati da una commissione giudicatrice costituita da 9 membri: presieduta dal professor Diego De Leo, presidente di De Leo Fund.

Quote Albo 2020

Dal 1 febbraio più mora e spese 
ProfessionistiPubblicisti 120€ (pensionati vecchiaia o invalidità 60€)
PraticantiGiornalisti Stranieri 120€
Iscritti
Elenco Speciale 190€
Autocertificazione Pensionati
Ordine giornalisti del Veneto
C/C Bancario Crédit Agricole FriulAdria IBAN IT82I 05336 02045 000046578489 - BIC BPPN IT 2P 327
C/C Postale IBAN IT38B 07601 02000 000059179259 intestato a Ordine dei Giornalisti del Vene
to

Pago Pa


Testo unico dei doveri del giornalista

Consulta

Amministrazione trasparente

Alla sezione Trasparenza >>

raccomandazioni

Le raccomandazioni dell'Ordine dei Giornalisti