Anzianità di iscrizione all'Ordine

Stampa

Dal 2018 nuove modalità di premiazione 

Dalla prossima assemblea annuale, nel marzo 2018, il requisito per l’assegnazione del riconoscimento di anzianità di iscrizione all’Albo sarà elevato da 30 a 40 anni sia per i professionisti sia per i pubblicisti. Rimarrà invariato il riconoscimento per i 50 anni e i 60 anni di anzianità di iscrizione all’Albo, sia per i professionisti sia per i pubblicisti (per i professionisti si calcolerà anche l’eventuale precedente iscrizione all’Elenco dei pubblicisti).

La decisione è stata assunta dal precedente Consiglio regionale dell’Ordine, che ha adeguato i criteri finora seguiti dall’Ordine del Veneto a quelli degli altri Ordini regionali, specialmente di quelli dell’area territoriale più vicina, nei quali il primo livello premiale non è mai inferiore ai 40 anni (Trentino-Alto Adige, Emilia-Romagna, Piemonte, Toscana, Umbria) quando non sia fissato nel livello unico di 50 anni (Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Liguria, Lazio).

Il Consiglio dell’Ordine del Veneto ha ritenuto anche assolutamente necessaria una semplificazione dei livelli premiali, essendo l’unico in Italia a prevederne quattro, contro un massimo di tre nelle sole Regioni di Liguria, Piemonte, Umbria (tutte le altre Regioni ne hanno due o uno soltanto); e quindi, considerate anche le mutate condizioni della attività lavorativa, ha ritenuto superata l’assegnazione del riconoscimento ai professionisti al momento del loro collocamento in pensione, visto oltretutto che la nuova normativa innalza l’anzianità lavorativa dei giornalisti sui quarant’anni e in prospettiva anche oltre.

Nella prossima assemblea di marzo 2018, il primo livello premiale di riconoscimento della anzianità di iscrizione all’Albo (40 anni) riguarderà quindi gli iscritti nel 1977 e nei primi mesi del 1978 con conteggio a ritroso dalla data della assemblea 2018, ovviamente con l’esclusione di quanti abbiano già ricevuto il riconoscimento per i 30 anni di anzianità se pubblicisti o quello al momento del collocamento in pensione se professionisti.