Ti trovi qui

Home

Minacce a giornalista "giustificate" dal contesto, la protesta dell'Ordine

Venerdì 21 Giugno 2024

Minacciare di morte una giornalista non è reato se a farlo è uno spacciatore o un tossicodipendente in una zona degradata, dove sarebbe stato meglio non andare con una telecamera.

Stupiscono le motivazioni con cui la procura di Vicenza ha chiesto l’archiviazione del fascicolo aperto in relazione all’episodio di cui è stata vittima lo scorso ottobre una cronista di Tva Vicenza, Martina Mazzaro, inseguita da un giovane che credeva di essere stato ripreso e che l’ha minacciata di spaccarle la testa.

In quella occasione, l’Ordine dei Giornalisti del Veneto aveva espresso pubblicamente la propria vicinanza alla collega e al direttore della testata, cui era seguito un contatto tra il presidente e la giornalista, durante il quale erano state ribadite da una parte la solidarietà e dall’altra lo sdegno per quanto accaduto.

Oggi invece arriva questa incomprensibile motivazione. “Nel caso di specie appare necessario contestualizzare il comportamento dell'indagato, al luogo - contesto assai noto per la frequentazione di spacciatori e tossicodipendenti -, alle proprie condizioni psico-fisiche ed alla propria condizione sociale. È quindi evidente che in un luogo socialmente così complicato, l'utilizzo di una telecamera possa innescare reazioni incontrollate che fanno dubitare della sussistenza dell'elemento psicologico del reato”, si legge nel provvedimento della procura di Vicenza. Secondo la quale, evidentemente, i giornalisti non possono esercitare il diritto dovere di informare lavorando “sul campo”, anche e soprattutto nelle zone a rischio. E se lo fanno possono essere tranquillamente minacciati di morte.

L’Ordine nazionale dei giornalisti, assieme ad Ordine e Sindacato regionale del Veneto protestano per un provvedimento che ritengono contrario al diritto, ed esprimono la propria vicinanza alla collega minacciata, confermando l’impegno a tutela di tutti i giornalisti che quotidianamente lavorano per fornire un’informazione corretta, puntuale e completa ai cittadini.

Quote Albo 2024

Fino al 31 gennaio 2024
Professionisti e Pubblicisti 120 € [pensionati anzianità (dopo i 67 anni), vecchiaia o invalidità 60 €]
Praticanti e Giornalisti Stranieri 120 €
Iscritti Elenco Speciale 190 €
Autocertificazione Pensionati
Ordine giornalisti del Veneto
- C/C Bancario Crédit Agricole FriulAdria IBAN IT84D0623002045000015123784
- PagoPA (istruzioni)
Dal 1 febbraio più mora e spese

Le testate venete

SCARICA