Ti trovi qui

Home > News

News

Il Tar: le rassegne stampa violano il diritto d'autore

Mercoledì 14 Aprile 2021

La rassegna stampa, fatta mediante la riproduzione integrale di articoli e di pagine di giornali senza l’autorizzazione del titolare del diritto esclusivo alla riproduzione, è illegittima. Lo ha sancito il Tribunale amministrativo del Lazio in due sentenze con le quali ha respinto altrettanti ricorsi presentati da l’Eco della Stampa contro le ordinanze con cui l’ Agcom ingiungeva alla società di rimuovere dal proprio servizio stampa le opere digitali di carattere editoriale (con tanto di clausola di riproduzione riservata), nonché a interrompere la riproduzione degli articoli.
I giudici del Tar hanno ritenuto infondati tutti i motivi sollevati dai ricorsi, concentrandosi sulla questione della violazione della legge sul diritto d’autore. «L’Agcom ha correttamente applicato le disposizioni sul diritto d’autore, ben potendo i titolari del diritto patrimoniale pretendere la rimozione di opere riprodotte integralmente sulla rassegna stampa della società ricorrente, in assenza di licenza o autorizzazione», scrivono i giudici del Tar nelle sentenze numero
04260/2021 e 04263/2021.

Secondo il Tar la rassegna stampa «con la riproduzione integrale di articoli e di pagine di giornali, senza l’autorizzazione del titolare del diritto esclusivo alla riproduzione è illegittima». Si tratta, infatti, di un’attività che non ha nulla a che fare con «un’autonoma opera dell’ingegno, non effettuando alcuna sintesi e rielaborazione degli articoli, bensì una mera selezione di articoli altrui»; un'attività «svolta a scopo di lucro e con carattere di sistematicità».

 

Pec obbligatoria, eseguite le prime 10 sospensioni dall'Albo

Mercoledì 14 Aprile 2021

Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti del Veneto, nella seduta del 12 aprile 2021, ha mandato in esecuzione la delibera di sospensione dalla professione nei confronti di 10 iscritti in quanto inadempienti all'obbligo di dotarsi e comunicare il proprio indirizzo Pec - Posta elettronica certificata (domicilio digitale), in vigore dal 2009. La sospensione dalla professione è prevista dall'articolo 37 lettera e)  del DL Semplificazione n. 76/2020 - convertito con modificazioni dalla Legge 11 settembre 2020, n. 120.
Inizialmente le delibere di sospensione dalla professione assunte lo scorso mese di novembre dal Consiglio erano 67 ma, successivamente, gran parte dei colleghi si sono messi in regola, comunicando all'Ordine il proprio indirizzo Pec.
Nella stessa seduta del 12 aprile, il Consiglio ha deliberato la sospensione dalla professione di altri 52 giornalisti, i quali erano stati in precedenza già diffidati a dotarsi di Pec, senza ottenere alcun riscontro. Questi colleghi, dopo aver ricevuto la delibera, avranno tempo 30 giorni per presentare impugnazioni o per mettersi in regola prima che la sospensione venga eseguita. Dopo aver attivato la casella Pec è necessario comunicarla alla segreteria dell'Ordine.

Leggi tutto

   

Elezioni Ordine, rinvio di 180 giorni per realizzare la piattaforma elettronica

Domenica 11 Aprile 2021

L'articolo 7 del decreto legge numero 44 del 1° aprile 2021, ha disposto un ulteriore differimento della data delle elezioni per il rinnovo dell'Ordine dei giornalisti, che dovranno "svolgersi comunque entro un termine non superiore a 180 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto”. Quindi al massimo entro la fine del mese di settembre 2021.

Leggi tutto

 

Casagit, elezioni online dal 4 all'8 giugno. Candidature entro il 20 aprile

Giovedì 01 Aprile 2021

Si terranno dal 4 all’8 giugno 2021 le elezioni dei rappresentanti dei soci in Assemblea Nazionale della Mutua Casagit Salute, con votazione diretta a scrutinio segreto mediante voto elettronico. Sabato 5 giugno 2021 saranno allestite postazioni per il voto assistito presso le Consulte regionali, e dunque anche a Venezia, nella sede di Sindacato e Ordine. Le votazioni per l’elezione degli 80 Rappresentanti dei Soci ordinari e dei 2 Rappresentanti dei Soci ordinari convenzionati aderenti ai fondi sanitari integrativi ad adesione individuale e collettiva avranno luogo contestualmente.

Leggi tutto

   

Cassazione. Vittima di violenza: dati divulgabili solo se essenziali per l'informazione

Giovedì 01 Aprile 2021

I dati di una vittime di violenza sessuale possono essere pubblicati soltanto se essenziali per l'informazione. Il diritto di cronaca, infatti, non deve “eccedere” rispetto alla finalità dell'informazione, fornendo i dati della vittima quando non sono essenziali. Lo scrive la Corte di Cassazione civile nell'ordinanza n. 4690/2021 con cui ha annullato la sentenza che aveva dato ragione ad un giornalista veneto, disponendo un nuovo processo di fronte al Tribunale di Venezia, il quale "argomentare sulla circostanza se le generalità della parte offesa avessero o meno una rilevanza pregnante nella vicenda e se la citazione delle generalità della persona offesa fosse eccedente rispetto all'esigenza di informare sulla vicenda in questione, oppure se lo stesso scopo si sarebbe potuto ottenere senza le generalità complete che nulla avrebbe tolto al valore della notizia".  

Leggi tutto

 

Ordine, elezioni nuovamente rinviate causa pandemia

Venerdì 26 Marzo 2021

Il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Carlo Verna, ha firmato la determina con cui vengono nuovamente rinviate le elezioni per il rinnovo del Consiglio nazionale dell’Ordine, che aveva convocato in presenza nei giorni 11, 18 e 25 aprile 2021. Il rinvio è stato disposto a data da destinarsi a causa degli scenari pandemici evidenziati nel decreto legge 25/2021.

Leggi tutto

   

Approvato il bilancio dell'Ordine Veneto. Il presidente Amadori: ”Giornalisti uniti per uscire dalla crisi”

Venerdì 26 Marzo 2021

Per uscire dalla crisi, i giornalisti devono restare uniti e condurre assieme la battaglia per la qualità dell'informazione. È l'appello lanciato dal presidente dell'Ordine dei giornalisti del Veneto, Gianluca Amadori, nel corso dell'assemblea annuale per l'approvazione del bilancio, svoltasi in videoconferenza oggi, 25 marzo, a causa dell'attuale situazione di emergenza Covid.

Leggi tutto

 

Cronaca e minori, va sempre garantito l'anonimato. Evitare particolari non essenziali

Mercoledì 24 Marzo 2021

Ordine e Sindacato dei giornalisti del Veneto richiamano i colleghi al rispetto delle norme di legge e a quelle deontologiche della professione nel trattamento delle notizie che riguardano minorenni.

Leggi tutto

   

E' scomparso Giampaolo Rossignati, le condoglianze dell'Ordine

Venerdì 19 Marzo 2021

Il giornalismo veneto è in lutto per la scomparsa del collega veronese Giampaolo Rossignati, mancato venerdì 19 marzo 2021 per  i postumi di una grave malattia all'età di 75 anni.
La sua carriera è stata lunga e ricca di soddisfazioni: dopo aver lavorato all'Informatore Agrario e all'Eco di Padova, fu caporedattore alla tribuna di Treviso  nella prima metà degli anni ’80, per poi passare  al Gazzettino di Verona, fino al 1988, e successivamente guidare le redazioni di Treviso e  Vicenza, approdando infine alla sede centrale a Mestre, con una parentesi al Nuovo Veronese. Lascia  la moglie Ivana, i figli Riccardo e Sara cui vanno le sentite condoglianze di tutti i colleghi, che lo ricordano per la sua professionalità e il suo carattere gioviale e sempre sorridente.
 

Assemblea annuale di bilancio il 25 marzo in videoconferenza

Giovedì 18 Marzo 2021

L’Assemblea annuale degli iscritti all’Albo professionale dell’Ordine dei giornalisti del Veneto, Elenco professionisti ed Elenco pubblicisti, per l'approvazione del bilancio consuntivo 2020 e del bilancio preventivo 2021, si svolgerà giovedì 25 marzo alle ore 10 in videoconferenza tramite piattaforma Zoom.

Leggi tutto

   

Minacce e offese a due giornalisti in pochi giorni. La solidarietà di Ordine e Sindacato

Lunedì 08 Marzo 2021

L’Ordine dei giornalisti del Veneto e il Sindacato dei giornalisti del Veneto esprimono solidarietà ai colleghi Marco Milioni e Silvia Bergamin, rimasti vittima di violenze e insulti. Il collega vicentino, collaboratore di Vicenzatoday.it, è stato aggredito domenica pomeriggio, 7 marzo, mentre stava scattando delle foto nei pressi di un bar di Trissino per un più ampio servizio sulle restrizioni per l’emergenza sanitaria.

 

 

Leggi tutto

 

Giornalista diffamata, questore condannato

Venerdì 05 Marzo 2021

L’attuale prefetto di Cremona, Vito Danilo Gagliardi, è stato condannato a pagare mille euro di multa per diffamazione a mezzo stampa ai danni della giornalista veronese Fabiana Marcolini, in relazione ad una lettera pubblicata da L’Arena, il quotidiano nel quale la collega lavora occupandosi da anni di cronaca giudiziaria. Ne ha dato notizia nei giorni scorsi il Fatto quotidiano.
Gagliardi, all'epoca dei fatti questore di Verona, accusava la giornalista di una “narrazione fantasiosa e calunniosa”, riferendosi ad un articolo nel quale la collega riportava la testimonianza di una poliziotta che denunciava l'operato dei vertici della Questura nei suoi confronti. Nella lettera pubblicata su L'Arena, l'allora questore scriveva che la reporter "si era fatta 'portavoce' di soggetti intenzionati 'a gettare ombra sull'operato del Questore Gagliardi". Nel corso del processo per diffamazione, avviato sulla base della querela presentata dalla giornalista, Fabiana Marcolini ha spiegato di aver soltanto esercitato il diritto di cronaca e di aver riferito correttamente i contenuti di un’udienza pubblica.

   

Minacce ai giornalisti, l’impegno del Viminale

Venerdì 05 Marzo 2021

"Stiamo seguendo con la massima attenzione il tema delle minacce ai giornalisti, veicolate anche attraverso la rete, perché la stampa è garanzia di circolazione delle notizie ed anche per questo è componente fondamentale della nostra democrazia: dunque non vanno sottovalutati gli atti intimidatori che devono sempre essere denunciati alle forze di polizia anche per una più efficace opera di prevenzione e contrasto di questo gravissimo fenomeno".

Lo ha detto il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, in occasione della riunione del Centro di coordinamento delle attività di monitoraggio, analisi e scambio permanente e di informazioni sul fenomeno degli atti intimidatori nei confronti dei giornalisti.

Leggi tutto

 

VeneziePost vittima di un attacco informatico

Mercoledì 17 Febbraio 2021

L’Ordine dei giornalisti del Veneto esprime solidarietà al collega Filiberto Zovico il cui portale di informazione, VeneziePost, è stato oggetto (assieme al sito EmiliaPost) di un attacco informatico che gli ha impedito l’uscita nella giornata di mercoledì 17 febbraio 2021. “Grazie al lavoro dei nostri tecnici gli abbonati riceveranno comunque le informazioni tramite una newsletter, mentre stiamo allestendo dei siti provvisori per permettere di leggere le notizie in modalità provvisoria”, ha spiegato Zovico, annunciando la presentazione di una denuncia all’autorità giudiziaria.

   

Cancellati per morosità 58 colleghi

Lunedì 08 Febbraio 2021

Nel corso dell'ultima seduta di gennaio, il Consiglio regionale dell'Ordine dei giornalisti del Veneto ha deliberato la cancellazione per morosità di 73 colleghi, di cui 9 professionisti, 54 pubblicisti e 10 iscritti all'elenco speciale. Di questi, in 15 hanno provveduto a versare la quota nei giorni immediatamente successivi (4 professionisti e 11 pubblicisti): dunque le cancellazioni effettive per morosità sono 58.

La cancellazione è stata decisa a fronte del mancato pagamento della quota di iscrizione all'Albo per il 2020, dopo numerosi e ripetuti solleciti.

I colleghi cancellati dall'Albo possono ottenere la revoca della delibera di cancellazione versando il dovuto entro 30 giorni dall'avvenuta notifica del provvedimento. Il provvedimento di cancellazione diventerà esecutivo dopo la scadenza dei 30 giorni, termine entro il quale può essere anche presentato eventuale ricorso al Consiglio nazionale.

Continuare a svolgere attività giornalistica nonostante la cancellazione dall'Albo può configurare il reato di abuso di professione.

 

Ricongiungimento prorogato fino al 30 giugno 2021

Lunedì 08 Febbraio 2021

Nella seduta dello scorso 26 gennaio, Il Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti ha deliberato la riapertura, fino al 30 giugno 2021 dei termini del percorso del cosiddetto "Ricongiungimento" (scaduti il 31 dicembre del 2020). A seguito di tale riapertura, potranno presentare domanda di iscrizione nel Registro dei praticanti tutti i pubblicisti che avranno maturato i requisiti, rimasti invariati, entro la suddetta data. Queste le modalità per la presentazione della domanda.

   
SIGef

Quote Albo 2021

Dal 1 febbraio più mora e spese 
Professionisti e Pubblicisti 120€ (pensionati vecchiaia o invalidità 60€)
Praticanti e Giornalisti Stranieri 120€
Iscritti Elenco Speciale 190€
Autocertificazione Pensionati
Ordine giornalisti del Veneto
C/C Bancario Crédit Agricole FriulAdria IBAN IT82I 05336 02045 000046578489 - BIC BPPN IT 2P 327
C/C Postale IBAN IT38B 07601 02000 000059179259 intestato a Ordine dei Giornalisti del Veneto 

LE TESTATE VENETE

SCARICA