-

Dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 13.30  
solo lunedì e giovedì dalle 14.00 alle 16.00
  
Uffici chiusi dal 10 al 23 Agosto

Ti trovi qui:

Homepage

PRIMO PIANO

Il sindaco di Venezia rispetti il lavoro dei giornalisti

Giovedì 30 Luglio 2015

Il Sindacato e l'Ordine dei giornalisti del Veneto esprimono sconcerto per l'ennesimo episodio avvenuto in Municipio a Venezia, dimostrazione della mancanza di considerazione e rispetto che il sindaco Luigi Brugnaro dimostra nei confronti del lavoro giornalistico. Un atteggiamento inaccettabile da parte di un amministratore pubblico.

Di fronte ad una domanda evidentemente ritenuta scomoda, rivolta da un giornalista della Rai,
Davide Calimani, in relazione alla protesta dei dipendenti comunali, invece di rispondere il sindaco ha accusato il collega "di essere un comunista".

Nei giorni scorsi Brugnaro si era già distinto introducendo nuove procedure che rendono difficile l'accesso dei giornalisti in Municipio.

Ordine e sindacato dei giornalisti esprimono preoccupazione per la situazione che si è venuta a creare e invitano il sindaco Brugnaro a rivedere il suo atteggiamento con i giornalisti che svolgono il lavoro lavoro, ovvero quello di informare i cittadini: sicuramente i comunicati stampa e i discorsi dal palco senza alcun interlocutore sono più facili, ma in qualità di uomo pubblico si dovrà abituare a rispondere alle domande. Anche a quelle che non gli piacciono 

 

Informazione e suicidi: l'allarme degli psichiatri

Mercoledì 29 Luglio 2015

Il Consiglio regionale dell'Ordine dei giornalisti del Veneto ritiene utile condividere l'appello lanciato dal dott. Giancarlo Bonfante, direttore del Centro di Salute Mentale dell'Ulss 10, relativamente alla questione suicidi e al pericolo di emulazione che si sviluppa e alimenta a seguito della diffusione dei vari casi di cronaca attraverso i mezzi d'informazione.

La raccomandazione è di trattare con la massima cautela i casi di suicidio, evitando il facile sensazionalismo e riportando invece informazioni utili sui vari centri di prevenzione e aiuto sparsi sul territorio.

«Oggi, sempre più frequentemente, le notizie puntano sul coinvolgimento emotivo del pubblico e colpiscono direttamente l’inconscio delle persone. Per questo motivo è necessario porre la massima attenzione ai messaggi divulgati attraverso i mezzi di diffusione di massa. Tutti gli studi sulla comunicazione rilevano che più si parla di suicidi, con un linguaggio enfatico ed emotivo, e più avvengono fenomeni imitativi. Un semplice articolo di cronaca può suggerire il suicidio a molte persone, perché alcuni dettagli del resoconto sono in grado di stimolare l’immaginazione fino al punto che la tentazione a emulare quel comportamento può diventare irresistibile.
La questione non è nuova. È definita “effetto Werther”, cioè suicidio per emulazione. Dopo la pubblicazione del romanzo di Goethe “I dolori del giovane Werther”(1774), tutta Europa fu percorsa da un’ondata di suicidi ispirati dal personaggio del romanzo. Goethe stesso fece numerosi appelli perché non si imitassero i suoi personaggi letterari.
Scientificamente è dimostrato che il suicidio è spesso portato a compimento per effetto dell’imitazione e studi internazionali dimostrano che l'eccessiva attenzione dedicata dai mezzi d'informazione ai casi di suicidio induce pericolosi effetti di emulazione. Tutto questo accade, in particolare, a chi non possiede una “personalità strutturata”, cioè alle persone psicologicamente più fragili, o a chi attraversa un momento di particolare crisi, ma comunque tutti, in un modo o nell’altro, subiscono l’influenza delle notizie. Stimolato dalla notizia di un suicidio, chi ha represso per anni il pensiero di poter compiere quel gesto può attivare l’impulso ad agire. Questo avviene perché l’uomo è un essere sociale che tende a osservare le azioni degli altri per stabilire cosa è opportuno fare, soprattutto quando si sente di vivere una situazione molto simile, ad esempio una condizione sociale o di malattia. L’imitazione non si limita dunque ad anticipare degli eventi, cioè a far compiere prima suicidi che sarebbero stati comunque commessi dopo, ma ne provoca di nuovi.
Nel 2008 l’Organizzazione mondiale della sanità ha redatto un testo dal titolo “Preventing suicide”. Conteneva una serie di raccomandazioni con l’invito, fra l’altro, ai media di non presentare il suicidio come un modo ragionevole di risolvere i problemi, di evitare il posizionamento della notizia in primo piano e la descrizione del metodo di suicidio o del tentato suicidio con linguaggio sensazionalistico, di non esprimere giudizi e conclusioni sulle cause fornendo invece molte informazioni su centri di prevenzione e aiuto. Insomma, l’opposto di quel che possiamo trovare in tanti articoli di giornale o in servizi televisivi.
Come trattare le notizie che si riferiscono ai suicidi? Innanzitutto rispettando le indicazioni contenute nelle norme che già ci sono, dalla Carta costituzionale alla legge professionale, che stabiliscono principi come il rispetto della dignità della persona e l'essenzialità dell'informazione. Anche la libertà di stampa, come ogni altra libertà, richiede un continuo delicato bilanciamento fra pro e contro, fra rischio e interesse, perché al centro delle vicende vi sono sempre uomini, donne, ragazzi. Chiedo ai giornalisti di avere un ruolo positivo e propositivo nel fare il loro lavoro, di usare la massima cautela nell’informare sui suicidi, di non rendere il suicida un protagonista e di non dargli visibilità. Chiedo ai professionisti dell’informazione di massa di essere parte integrante di un esercito di forze sociali istituzionali e sanitarie che combatte un fenomeno terribile. Uno studio pubblicato nella rinomata rivista “British Journal of Psychiatry” conferma questa tesi: se si pubblicano articoli riguardanti persone che sono riuscite ad affrontare situazioni di crisi in modo costruttivo si ottiene un calo del tasso di suicidi nella settimana successiva alla pubblicazione».

 

Cortina tra le righe, 13-19 luglio 2015

Lunedì 13 Luglio 2015

seguici su Facebook o Twitter per aggiornamenti e livetwitting o rivedi tutto su Youtube

Leggi tutto

 

Cordoglio per la morte di Santo Della Volpe, presidente Fnsi

Giovedì 09 Luglio 2015

Leggi tutto

 

Fiscogiornalisti.it assistenza fiscale gratuita per i lavoratori autonomi con redditi fino a 10mila euro

Venerdì 03 Luglio 2015

Leggi tutto

 

No alla chiusura di Ca' Farsetti ai giornalisti

Giovedì 02 Luglio 2015

Leggi tutto

 

Solidarietà di Sindacato e Ordine ai colleghi dell'Ansa

Giovedì 25 Giugno 2015

Leggi tutto

 

Formigoni perde la causa contro Report e viene condannato anche per lite temeraria

Sabato 20 Giugno 2015

Leggi tutto

 

Nasce Eurogiornalisti, nuove opportunità ai lavoratori autonomi nei progetti europei

Venerdì 19 Giugno 2015

Leggi tutto

 

Premio giornalistico Sara Bianchi

Lunedì 15 Giugno 2015

Scadenza 15 luglio 

Leggi tutto

 

Dite la vostra

Giornalismo e Responsabilità
Questa
lettera aperta ha stimolato un dibattito tra i colleghi sul futuro (anzi, sul presente) dell'informazione e della professione. Abbiamo creato una pagina per condividere commenti, opinioni, proposte, preoccupazioni. Scrivere a segreteria@ordinegiornalisti.veneto.it

Premi giornalistici

Premi in Veneto >>
  
Premi in Italia >> 

 

Servizi gratuiti

Patrocinio


Come richiederlo >>
 

 
 

Biblioteca

solo il Venerdì
orario: 9.30 - 13.00 
Catalogo ricerca
Catalogo pdf
 
Il giornalista hacker

 

Colleghi in libreria


Vai all'elenco

  
 

Noi giornalisti

periodico noi giornalisti

Dal 2015 è abolita la versione cartacea

Leggi tutto >>